//questo serve per poter linkare ai popup aperti

Avete imparato a usare le corde per fare bondage giapponese? Sapete come intrecciarle e dove mettere i nodi? Bravi! Adesso siete pronti per studiare il restante 90% dell’arte del kinbaku. Per esempio a Sadistique, il fantastico evento BDSM che si terrà domenica 2 dicembre a Milano. Insegnante d’eccezione della MasterClass di questo mese sarà La Quarta Corda, uno dei più preparati insegnanti italiani di shibari. La sua lezione, dalle 16 alle 17, sarà dedicata a Kakehiki e semenawa, due elementi chiave della sua filosofia.

Kakehiki è la strategia. Usare la forza non è la soluzione migliore nel bondage. A volte avere un buon kakehiki permette di far superare un limite al partner, di fare qualcosa senza che venga vissuto come una forzatura. La stessa strategia va impiegata quando vogliamo sperimentare il seme, cioè il tormento con il partner. Semenawa (‘corda punitiva’) non significa infatti solamente tortura. Indica anche scoprire quali siano i punti deboli, le paure, le emozioni che animano la persona legata, e spingerla a viverle in un contesto consensuale, intimo e controllato, per uscirne alla fine più forte e purificata. La chiave è che con le corde dobbiamo essere capaci di creare una relazione, qualcosa che vada oltre le sensazioni e le emozioni. Verranno inoltre trattati argomenti come kotobazeme (tortura con la parola), shuuchinawa (corda di vergogna), shikarizeme (tortura del rimprovero), e soprattutto il ma, ovvero ciò che dà senso a quello che facciamo con le corde.